Labirinto Comunicazione, design e pubblicità a Modena

DA ARBRE VERT AD ALBERO VERDE.

Come nasce la versione local di un brand leader in francia.

Già numeri uno in Francia tra i detergenti ecologici venduti in grande distribuzione, i prodotti del brand francese L’arbre Vert sono distribuiti ora anche in Italia dalla bolognese Guaber S.r.l. La strategia marketing per il lancio del nuovo brand ha previsto che in Italia il marchio venisse tradotto letteralmente mantenendo tutti gli elementi grafici dell’originale francese. Ferma restando quindi l’illustrazione schizzata dell’albero che accompagna il logo “L’albero verde”, il compito di labirinto è stato quello di creare una nuova immagine di marca che potesse distinguersi da quella dei principali competitor già presenti sul mercato italiano rimanendo allo stesso tempo fortemente ancorata all’originale. La scelta dei colori non poteva prescindere dall’uso del verde trattandosi essenzialmente di prodotti “ecologici”. A questo però sono stati abbinati in maniera molto delicata anche l’azzurro, simbolo del pulito, e il rosa per comunicare l’altro plus principale del prodotto e cioè la delicatezza sulla pelle, essendo i prodotti rigorosamente ipoallergenici. Seguendo queste linee guida sono stati realizzati tutti i packaging e i materiali below-the-line per la presentazione ai buyer della GDO. Il claim “L’albero verde rispetta l’ambiente e la persona” accompagna tutti gli strumenti di comunicazione, dalla pagina pubblicitaria al sito web www.albero-verde.it. Dopo la declinazione dell’immagine sui pack e sui primi strumenti di vendita, il progetto grafico è proseguito con la comunicazione in store per la campagna di lancio e quindi con la realizzazione di totem, testate di gondola per le corsie della grande distribuzione, stop rayon, folder di presentazione, segnaprezzo, e tanti altri materiali dedicati alla promozione sul punto vendita.

  • Packaging
  • Corporate Identity
  • Web
  • Below the line
  • Industria

Potrebbe interessarti anche...

project
project
project
project
Back to Top